Pages - Menu

martedì 25 febbraio 2014

:: i cacciatori col sale nelle chiappe ::


Sono "in bolla con il mio spirito", lo dicevo l'altra sera al maestro di yoga.
Sto bene, proprio bene.
Mi sento circondata da tutto quello che amo, esattamente come ho sempre desiderato accadesse.

Simone è cambiato tanto in questi primi mesi di scuola, diventando un bambino adorabile e generoso senza quegli eccessi caratteriali tipici dei bimbi più piccoli: ora ascolta pancia e testa e fa la media.
Quando gli lascio un bigliettino d'amore nel cestino della merenda, lui nell'intervallo mi risponde sopra a matita: così a casa, mentre svuoto il cestino, mi commuovo.

E' un uomo in miniatura, con la purezza di sentimenti immensi da uomo ma senza la vita sulle spalle a fare da zavorra agli slanci. E' pieno di buoni principi ma con una morale calvinista, specialmente per quanto riguarda natura e animali - inflessibile e intransigente con chi disturba la bellezza del (nostro) mondo.


E ama, incondizionatamente, bambini e animali. Gli amici, Marco, Davide, Cesare, Luigi e Lorenzo, i suoi compagni di merende collinari, di avventure su e giù per il nostro prato e le nostre stanze.
Le Gine, che continuano ad adorarlo "a modo loro", facendogli i dispetti, rosicchiando i giocattoli e sbattendolo a terra con i loro 60 kg di cane complessivi quando gli saltano addosso per sbaciucchiarlo.
Mi viene una gioia enorme a pensare a lui che impara la condivisione, la comprensione e la rinuncia, a volte.

L'altra sera è andato a piangere nella legnaia quando un suo amichetto gli ha detto che amava più gli alberi degli animali e che di questi ultimi non gli importava la morte; sono dovuta andare a recuperarlo e l'ho trovato seduto a gambe incrociate con il viso più triste che avessi mai visto, a singhiozzare disperato perchè non riusciva a far comprendere l'importanza della vita degli animali.

"Però ai cacciatori sparerei col fucile, quello a sale, per fargli bruciare le chiappe un intero mese!", diceva ieri prima di addormentarsi e rideva a crepapelle pensando a questi cacciatori che non possono più sedersi...



PS. oggi Gina & Pina compiono un anno di amore, danni e nefandezze qui con noi!

10 commenti:

  1. Ciao Fosca, sono passata di qui per caso stamattina e questo tuo bellissimo post pieno di amore e felicità mi ha trasmesso un po' di fiducia nel futuro! Complimenti di cuore, hai un figlio stupendo e dei compagni a quattro zampe tenerissimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Deborah, sono felice che arrivi anche a te che leggi tutta questa gioia!

      Elimina
  2. Risposte
    1. sua, sua.
      io son solo qui a impararla.

      Elimina
  3. Che grande sensibilità... andrebbe d'accordo col mio Gugo, che si commuove per le specie in via d'estinzione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bisognerebbe saper conservare questa commozione...

      Elimina
  4. be', cosa vuoi aggiungere a tanto equilibrio, tanta bellezza, tanto amore? Solo amore. E Simo lo sa. Urca se lo sa. E' il bambino più puro che abbia mai conosciuto. Un'anima bella e gentile. Figlio tuo e di E, non dimenticarlo. :) non toglierti meriti che avete <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simo è un'anima pure, bella e furbacchiona. Giusto per non santificarlo prima del tempo ;-)

      Elimina
  5. Ricordo la paura di metterlo davanti alla morte e al dolore, il suo lavorio difficile e tormentato, i suoi sfoghi, il timore di non poterlo/saperlo proteggere... tutto questo è diventato Amore, lo avete trasformato in Amore, purezza di sentimenti e ideali... dai un bacio in mezzo alla fronte a questo piccolo grande uomo e digli che c'è un pacchetto di sale grosso, qui, per le sue munizioni :-D

    RispondiElimina
  6. Questo post è e dà: serenità, gioia, amore,bellezza....... rispetto per la natura e gli animali.....per tutto e tutti
    Buona serata

    RispondiElimina